Home

Henry Miller alle prese con una sua passione, il tennis da tavolo: “un gioco di infinita fascinazione”, come egli lo definiva.

Annunci

3 thoughts on “PING PONG

  1. E Kubrik -our mutual friend- fa quasi iniziare Lolita attorno a un tavolo da ping pong. Vorrà dire davvero che è lo sport clandesticamente più erotico. Sarà per quel nome (qualcosa di simile all’ up-and-down di Alex di Burgess). Oppure è -come pare dire la foto- una questione di torsioni possibili della mano con la racchetta, di effetti, di “lift”. E non manca la rete.

    • È vero, caspita. Mi ero dimenticato di Lolita, e in effetti il ping pong disegna magistralmente i termini del confronto tra il personaggio di Mason e quello di Sellers. Perché il ping pong è fatto di contrasti crudeli. Richiede uno sforzo fisico non indifferente. oltre che la sua dose di catteveria. Per certi versi è uno sport violento, rabbioso. Eppure tutto ciò è come svilito, ridicolizzato dalle dimensioni, che ne restituiscono un’immagine di sport in miniatura, da nani, da piccoli uomini o da uomini gradi costretti ad agire come piccoli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...